Cortenuova vs PolOrBa 2-1

Marcatori:
66′ Carobbio

Formazione:
Spinoni (45’Cattaneo, 68’Spinoni), Mazzotti (55’Cattaneo S.), Cattaneo D., Artina (72’Moleri), Fratus, Zanchi (55’Tirloni E.), Agazzi (45’Pandini), Bassi (60′ Tirloni P.), Cornari (72’De Nardi), Boselli (50’Giupponi), Carobbio (68’Bigatti)

Cronaca:
Terza e ultima amichevole di precampionato per gli uomini del trio Duca-Borella-Pandini che vede arrivare la prima sconfitta e le prime difficoltà, ma che non impensieriscono lo staff tecnico per una serie di motivi. Il primo motivo, e anche più importante,  è per la settimana di carico a cui sono stati sottoposti i giocatori, il secondo è sicuramente il nuovo assetto che non è ancora stato assimilato da tutti (alcuni giocatori lo hanno utilizzato per la prima volta) e il terzo è il valore dell’avversario che anche in campionato si è dimostrato meritevole di particolari attenzioni.
Come sempre la compagine di Bariano regala i primi 20 minuti di partita, non tanto fisicamente, ma mentalmente: troppi giocatori distratti e senza il doveroso impegno che richiedeva questa partita. Una volta passati i soliti 20 minuti di rito regalati all’avversario, i barianesi iniziano a giocare e in un paio di occasioni riescono anche a impensierire la retroguardia di Cortenuova. E’ Quando sembravano aver trovato una quadratura del cerchio che  gli orange  subiscono la prima rete su uno svarione difensivo sfruttato bene dall’attacco di casa.
Nel secondo tempo, come capita molto spesso, i ragazzi di Bariano si svegliano e iniziano a giocare come sanno: pressano alti, ripartono con lucidità e soprattutto la difesa non concede più nulla agli attaccanti avversari. Non è un caso che al 66′ dopo un forcing continuo, trovano il pareggio con un gol di rapina di Carobbio.
Una volta trovato il pareggio Inizia un’ampia girandola di sostituzioni e parecchi uomini vengono schierati non proprio nei loro ruoli ideali e a questo punto l’attento Cortenuova,  che si dimostra sempre sul pezzo, segna il 2-1 probabilmente sull’unico errore difensivo del secondo tempo.  Dopo questa rete la partita va scemando anche per la stanchezza dei giocatori in campo e il risultato non cambia più.
Come sempre gli orange mostrano il doppio volto  che si è visto  per tutta l’andata. Ora lo staff deve cercare di limare il più possibile i difetti di attenzione e deve lavorare sulla velocità dei giocatori in campo, ma sicuramente per domenica prossima le forze verranno recuperate e i ragazzi saranno pronti per affrontare ad Azzano San Paolo la Romania, squadra storicamente molto ostica.
Sempre forza orange
Tonino Continho